martedì 29 settembre 2020, ore
HOME
L'OPINIONE - Bosco: "Juventini si diventa, Sarri non lo sarebbe mai diventato"
10.08.2020 12:08

Andrea Bosco scrive su Tuttomercatoweb a proposito dell'esonero di Sarri: "Juventini si diventa. Sarri non lo sarebbe mai diventato. Perché Sarri, come ha intuito Andrea Agnelli, fa e farà sempre parte degli “altri“. La Juventus è il potere e la storia. Sarri era stato Masaniello dopo essere stato, prima, Frà Dolcino . Ha sbagliato la dirigenza a gestire l'allenatore. E non sto parlando di tute o di cose che attengono al galateo. Sto parlando del modo di Sarri di “approcciarsi” in un mondo vissuto da elefante in cristalleria. Tuttavia va detto: se risiedi in una villa palladiana, non chiami un talebano fautore delle linee “curve“, a farti il restyling . Hanno responsabilità anche i giocatori. La squadra ha operato senza gioia e senza furore. Forse appagata, forse sconcertata da quel gioco orizzontale fatto di fuffa. Alcuni giocatori, eroi per un decennio, sono a fine corsa . Ci vorrà denaro (e tempo) per ricreare un gruppo simile. Italiano, magari. Le colpe di Sarri. La più grave, a mio parere, è stata quella di non aver fatto autocritica, accampando spesso scuse: il covid, gli arbitraggi, i rigori, il calendario, i giocatori inadatti al “suo” gioco. Godendo di buona stampa, molto gli è stato concesso. Non partecipare alla fase finale di Lisbona costerà alla Juve una ventina di milioni. La conseguenza potrebbe essere quella di aver compromesso la prossima stagione. Soldi in cassa ce ne sono pochi. Andrea Agnelli ha spiegato che saranno presi “giocatori da Juve“. Kulusevski e Arthur (già firmati) potrebbero rivelarsi tali, ma servono controprove. Dalle probabili uscite la Juve avrà liquidità. Ma non per comprare un Haaland. Con Pirlo la Juventus potrebbe affrontare una stagione di transizione. Niente di grave: la società va solo onorata. Sarri è stato un errore. Paga solo lui perché la “ragion di stato“ non prevede di accompagnare alla cassa un intero “governo“. La notte a volte è lunga. Ma dopo ogni notte arriva l'alba. La Juventus è sopravvissuta a tante avversità. Sopravviverà anche a questa annata, per dirla con Andrea Agnelli, “ agrodolce “ . Il domani si chiama Andrea Pirlo. E come per il proverbiale “mattino“, il popolo bianconero si augura possa avere “l'oro in bocca“. Con l' ossessione che da oltre 100 anni l'attraversa: vincere ancora. E poi ancora. E ancora. E ancora. “Pensiamo al decimo“ ha detto Dybala un minuto dopo aver vinto il nono di fila. Già: ancora. E ancora (sorry per il plagio) “non basta“ .

Loading...
ULTIMISSIME HOME
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>